Skip to content

lucianoambrosini.it

Shock the Monkey #0 
Three overused terms at the pandemic time

ENG translation at the end

Liberazione? Inizierei da tre termini abusati….

1) Distanziamento sociale: se così fosse saremmo ancor più rovinati di quanto non lo fossimo già (o di quanto lo saremo in post-pandemia?). Francamente parlerei più di distanziamento spaziale (non alla Asimov, ma semplicemente di tipo metrico) e professerei di più la comunione sociale.

2) Smart Working: de che? Innanzitutto, al più, i pochi fortunati stanno praticando il remote working…e con grande amarezza (conferma) alcune istituzioni “culturali” hanno avuto il piacere di scoprirlo e praticarlo in modo intensivo soltanto in questi ultimi mesi, per obbligo non per scelta. Ora se eravate smart prima lo sarete di sicuro anche dopo e lo sarà anche il lavoro che svolgete; smart è un modus operandi, il “messaggio” siete voi e di certo non è nel medium (McLuhan ci perdonerà).

3) Multitasking: bè vi dirò… non esiste! Ma come sono solito dire possiamo solo esperire una allocazione momentanea delle nostre risorse. Se vuoi raggiungere dei risultati, oppure nessuno, dipende da quanto sei in grado di mantenere il focus o di perderti nel multitasking. Multitasking (se non si parla di gestione software) è semplicemente un sinonimo di iperattivismo patologico atto a dimostrare a se stessi di stare lavorando sodo (ma senza risultato – grazie Ferriss). Quindi non fatevi “infinocchiare” da chi vi esorta a praticarlo…loro non sanno cosa vuol dire veramente “sporcarsi le mani”.

Loro non sanno ancora che una “Nuova Normalità” è già arrivata. E tu studioso? Sei ancora disposto a pagare per ciò che non è in grado di garantirti un futuro?

 

[ENG]

Liberazione (Italian holiday =freeing)? I would start with three overused terms at the pandemic time… 

1) Social distancing: if this were the case we would be even more ruined than we already were (or than we will be in the post-pandemic?). Frankly, I would speak more of spatial distancing (not as Asimov, but simply of a metric type) and profess more of social communion. 

2) Smart Working: de che? ( saying Roman = about what?) First of all, at the most, the lucky few are practising remote working … and with great bitterness (confirms) some “cultural” institutions have had the pleasure of discovering and practising it intensively only in the last few months, by obligation not by choice. Now if you were smart before, you will certainly be smart even after, and the work you do will also be; smart is a modus operandi, the “message” is you and it is certainly not in the medium (McLuhan will forgive us). 

3) Multitasking: well I’ll tell you … it doesn’t exist! But as I usually say we can only experience a temporary allocation of our resources. Whether you want to achieve results or none, depends on how much you are able to keep the focus or lose yourself in multitasking. Multitasking (if we are not talking about software management) is simply a synonym of pathological hyperactivism capable of proving to oneself that we are working hard (but without result – thanks Ferriss). So do not get “pampered” by those who urge you to practice it … they do not know what it really means to “get your hands dirty”. 

They still don’t know that a “New Normal” has already arrived. And you scholar? Are you still willing to pay for what a future cannot guarantee?

soundtrack —>https://www.youtube.com/watch?v=Vykevdh-0mA (tribute to Peter Gabriel)

Interested in my works? see *About Me* section and contact me by email and/or by social